Il virus che  infetta whatsapp agirebbe con una chiamata a cui non serve rispondere

Un virus ha attaccato Whatsapp, infettando diversi smartphone (per ora si segnalano almeno una dozzina). Facebook ha scoperto il malaware e dopo la segnalazione, ha diffuso la notizia chiedendo agli utenti di aggiornare Whatsapp per evitare che il codice infetto danneggi altri dispositivi.Agisce tramite le chiamate vocali, e la persona colpita non sempre si accorge di quanto successo, perché il virus agisce senza anche senza dover rispondere alla chiamata. Inoltre il virus elimina registro chiamate e l’utente non si accorge che il suo smartphone è stato attaccato. Questo iter ha reso ancora più difficile fare una stima esatta degli attacchi avvenuti e di quanti dispositivi sono stati colpiti.

Il virus è più propriamente uno spyware, ossia un software in grado di infiltrarsi nel sistema operativo per raccogliere informazioni e dati contenuti in esso. Il furto dei dati è un problema sempre più diffuso e sempre più difficile da individuare. Il Cyber Risk in cui si incorre aumenta di anno in anno con l’evolversi delle tecnologie che consentono di aggirare tutti gli elementi di cyber security che aziende e organizzazioni utilizzano per proteggersi dagli attacchi.

Chi c’è dietro il virus di Whatsapp

Secondoil principale giornale economico-finanziario del Regno Unito, il Financial Times, dietro questo attacco ci sarebbe un gruppo israeliano chiamato NSO che si definisce una società contro il cyber crime e terrorismo. Tuttavia secondo gli esperti sarebbe un’organizzazione che rivende cyber armi. Sarebbe stata creata nella prima decade del 2000 dall’Unit 8200, la divisione cyber dell’esercito israeliano, coinvolta già nel Stuxnet, un attacco informatico contro l’Iran. La NSO venderebbe spyware e malware alle organizzazioni governative così che possano spiare oppositori o giornalisti. Questo dato risulterebbe da accordi con cifre con nove zeri stretti tra questa società e alcuni paesi.

 

Leave a Reply